Spagna

In Spagna, la formazione in alternanza a livello di istruzione secondaria superiore è prevista solamente per il settore professionale della Formación Profesional Especifica de grado medio (Formazione professionale specifica di grado intermedio). Questa è organizzata in diversi ciclos formativos, corrispondenti a 22 settori professionali, costituiti da moduli di apprendimento teorico e da un periodo di formazione pratica obbligatoria sul posto di lavoro. Infatti, la Ley Orgánica de Ordinación General del Sistema Educativo, LOGSE (Legge organica sull’organizzazione generale del sistema educativo) del 1990 stabilisce che tutti coloro che frequentano la Formación Profesional Especifica de grado medio debbano svolgere un modulo formativo sul luogo di lavoro chiamato Formación én centros de trabajo (FCT).

La formazione in alternanza è tuttavia prevista anche nei seguenti casi:

  • Programmi di garanzia sociale e di formazione iniziale: sono programmi destinati a giovani da 16 anni di età in poi, che non hanno conseguito un certificato di fine istruzione secondaria obbligatoria. Hanno lo scopo di facilitare il loro ingresso nel mondo del lavoro e l’alternanza costituisce una parte facoltativa di questi programmi.
  • Formación Profesional Especifica de grado superiore(Formazione professionale specifica di grado superiore): formazione a livello post-secondario che prevede una formazione pratica sul luogo di lavoro organizzata sulla base di quella del grado intermedio.

Quadro Legislativo

  • Ley Orgánica de Ordinación General del Sistema Educativo, LOGSEdel 1990 (Legge organica sull’organizzazione generale del sistema educativo): normativa di riferimento sul sistema educativo.
  • Ley Orgánica de las Cualificaciones y de la Formación Profesional, LOCFPdel 2002 (Legge organica sulle qualifiche e sulla formazione professionale): ha avuto lo scopo di organizzare un sistema comprensivo per la formazione professionale, le qualifiche e l’accreditamento che desse risposta alle richieste del mondo sociale ed economico attraverso tipi diversi di formazione, inclusa la Formación Profesional Especifica.

Le varie Comunità Autonome hanno integrato la normativa nazionale e hanno definito i curricoli dei cicli formativi corrispondenti a ogni titolo di studio, disponibili nella zona di loro competenza. I singoli istituti devono sviluppare questi curricoli attraverso l’elaborazione del progetto curricolare (proyecto curricular) e la programmazione annuale, i cui obiettivi, contenuti, criteri di valutazione, metodologia devono corrispondere alle caratteristiche degli alunni e alle opportunità formative della zona. Periodicamente, il Governo, su propria iniziativa o su segnalazione delle Amministrazioni educative, del Consejo general de Formación Profesional o delle parti sociali, deve rivedere e, in caso, aggiornare i titoli professionali o crearne di nuovi, in modo da garantire un adattamento all’evoluzione delle qualifiche professionali richieste.
Inoltre, le Comunità Autonome stabiliscono le misure e adattano il curriculum, in modo che anche gli studenti con bisogni educativi speciali possano accedere alla formazione professionale specifica.

Modalità di accesso

Può accedere alla Formación Profesional Especifica de grado medio chi è in possesso di un certificato di Graduado en Educación Secundaria Obligatoria o Técnico Auxiliar o Técnico, che si ottengono generalmente a 16 anni, a conclusione dell’istruzione obbligatoria. Chi non è in possesso dei suddetti certificati può comunque accedere a tale tipo di formazione dimostrando, attraverso un test, di avere le attitudini richieste per i corsi che intende frequentare. Per essere ammessi al test, occorre avere almeno una delle seguenti condizioni:

  • avere almeno 18 anni di età;
  • dimostrare di avere almeno un anno di esperienza lavorativa nel settore del ciclo formativo richiesto;
  • aver completato uno deiProgramas de Garantía Social (Programmi di garanzia sociale), che verranno sostituiti in futuro dai Programas de Iniciación Profesional.

Più specificatamente, l’accesso al modulo della FCT è possibile dai 17 anni di età in poi. Inoltre, per accedere alla FCT è necessario aver completato con successo gli altri moduli che costituiscono la ‘parte accademica’ del ciclo formativo. Tuttavia, gli insegnanti possono, in via eccezionale, autorizzare l’accesso al modulo della FCT quando l’alunno abbia superato con successo tutti i moduli di tipo generale eccetto uno.

Organizzazione

La struttura della FCT è la stessa degli altri moduli che costituiscono il ciclo formativo. Per ogni modulo di FCT è prevista una serie di abilità che l’alunno deve aver acquisito al compimento del modulo formativo svolto presso l’azienda. Oltre alle abilità, è stabilito in anticipo quali siano i criteri per valutare se quelle abilità siano state o meno acquisite.
I contenuti del modulo sono costituiti da attività di tipo generale che lo studente deve svolgere. Ogni istituto di formazione e azienda decide in autonomia su come integrare queste attività all’interno del percorso di formazione in modo che sia adattato alle caratteristiche individuali dell’alunno.

La durata totale del ciclo formativo va dalle 1300 alle 2000 ore (un anno e mezzo o due anni), delle quali 350 – 700 ore (da 10 a 20 settimane) devono essere dedicate alla formazione sul posto di lavoro. La durata dipende dal ciclo formativo o dalle autorità educative. Nel monte ore totale sono incluse anche le ore che devono essere dedicate alle sedute di consulenza e orientamento con il docente-tutor e che si svolgono, in genere, ogni 15 giorni a scuola.
Essendo parte integrante dell’orario scolastico, anche per questo modulo sono previste le vacanze durante l’anno.
L’orario di lavoro dello studente deve essere uguale o quasi uguale a quello che si osserva nell’impresa dove viene svolta l’attività formativa.

La FCT è il risultato della diretta collaborazione fra gli istituti di istruzione e il mondo dell’imprenditoria. Altri soggetti coinvolti in questo tipo di formazione sono anche le autorità educative ed enti del mondo del lavoro come le Camere di Commercio o le organizzazioni di imprenditori di ogni livello.
La gestione di tale collaborazione è spesso organizzata attraverso accordi che hanno caratteristiche specifiche a seconda del tipo di collaborazione. Tuttavia, ci sono alcuni aspetti comuni che devono essere rispettati:

  • gli accordi possono essere cancellati unilateralmente;
  • non comportano un rapporto contrattuale diretto fra lo studente e l’impresa;
  • lo studente è assicurato contro gli infortuni attraverso l’assicurazione della scuola e contro la responsabilità civile per danni causati a terzi attraverso una polizza assicurativa aggiuntiva firmata dalle autorità educative.

Sintesi elaborata da EurydiceItalia